Benefici per il singolo

Le ragioni per cui il ringiovanimento sarebbe un bene per ogni dato individuo dovrebbero essere assolutamente ovvie; ciononostante, sareste sorpresi di sapere quanto spesso si pensi che la ragione sia semplicemente: “Potresti vivere per sempre!” In realtà, poter vivere “per sempre” è tutt’altro che garantito, e il concetto stesso può risultare controverso, a seconda di cosa si intenda. Sia come sia, le vere ragioni per cui il ringiovanimento sarebbe un bene per il singolo individuo sono le seguenti.

Mantenere la propria salute e indipendenza

Almeno fino ad ora, gli anziani non sono stati propriamente famosi per la buona salute, tantomeno per la capacità di vivere la loro vita senza difficoltà e senza l’aiuto di altri quasi per ogni cosa, anche quella in apparenza più semplice. Il corpo di un anziano è più debole, così come il suo sistema immunitario; una persona di età avanzata è soggetta ad una quantità di malattie terribili e dolori cronici, e spesso non è in grado di prendersi cura di sé stessa con la stessa facilità di quando era giovane. La prossima volta che vi trovate a far due passi, prestate attenzione alle persone anziane: la maggior parte cammina lentamente e con difficoltà, magari aiutandosi con un deambulatore o un bastone.

Gli anziani non ci sentono bene e non ci vedono bene. Per loro, fare le scale può essere quasi come scalare una montagna. Per una persona giovane, un’influenza generalmente si riduce a qualche giorno di seccature; una persona anziana può anche morire per le eventuali complicazioni se il suo sistema immunitario non dovesse funzionare a dovere (evento, questo, non improbabile).

Queste sono, in breve, le ragioni per cui i giovani possono badare a sé stessi, mentre gli anziani finiscono con il dover essere accuditi dalla famiglia o in una struttura dedicata. Se aveste la possibilità di fare una scelta, c’è un’età alla quale scegliereste di essere malati e dipendenti da terzi anche per soffiarvi il naso? Non preferireste essere in salute e capaci di mantenere il controllo sulla vostra vita il più a lungo possibile? Le biotecnologie ringiovanenti potrebbero offrire questa possibilità. Potrebbero porre fine alla cattiva salute della vecchiaia, mantenendoci biologicamente giovani per un periodo indefinitamente lungo. Si potrebbero avere 20, 40, 80, o 100 anni – magari anche mille, se disponessimo di biotecnologie sufficientemente raffinate – ed essere sempre sani, indipendenti, e attraenti come quando 20 anni li avevamo davvero. (Be’, attraenti dipende – può essere che uno a vent’anni fosse un mostro, e il ringiovanimento non fa mica miracoli… Ma comunque, belli o brutti, avremmo lo stesso aspetto che avevamo da giovani.)

^ Torna a inizio pagina ^

Infinite opportunità per migliorarsi

Una conseguenza ovvia dell’essere in salute più a lungo è che si vive più a lungo. Dimentichiamo per un attimo tutte le catastrofi ipotetiche che la gente si inventa per demonizzare l’idea di una vita molto più lunga, e concentriamoci solo sui pro della longevità. Una vita più lunga (e in buona salute) significa più tempo da dedicare alle proprie passioni, più tempo per scoprire nuovi interessi, approfondire le proprie conoscenze, e fare esperienze nuove, teoricamente senza limiti. Oggi come oggi, il tempo a nostra disposizione è limitato, mentre grazie al ringiovanimento questo limite verrebbe eliminato, permettendoci di diventare persone migliori nei secoli a venire. Stiamo parlando nientepopodimeno che della leggendaria saggezza della vecchiaia combinata con il vigore della gioventù. (Se temete che avere a disposizione un tempo infinito vi toglierebbe ogni stimolo e motivazione, forse dovreste fermavi un attimo a riconsiderare le origini della vostra motivazione. Se amate quello che fate, per quale ragione avere più tempo per farlo dovrebbe essere motivo di rimandare? Semmai, dovreste essere lieti di avere più tempo da dedicare a ciò che amate. Non occorre lo spettro della morte per spingere qualcuno a fare ciò che desidera fare. I pungoli occorrono solo per fare ciò che non si vuol fare. Se parlate l’inglese, vi suggerisco di leggere anche questo post su Rejuvenaction originale.)

^ Torna a inizio pagina ^

Non sarebbe mai troppo tardi per cambiare idea

Quanto spesso ci si pente di scelte fatte in passato, rimpiangendo il fatto che adesso è troppo tardi per cambiare? Troppo tardi per fare studi diversi, troppo tardi per intraprendere un’altra carriera, per imparare una lingua, per iniziare a praticare uno sport, e via dicendo. Una vita dalla durata indefinita e in buona salute toglierebbe di mezzo questo problema. Il tempo e l’energia disponibili non scarseggerebbero mai in senso assoluto, e una scelta sbagliata o un’opportunità mancata non diventerebbero più delle condanne. Naturalmente si potrebbe essere ancora trattenuti da barriere puramente psicologiche (talora anche gente di 30 o 40 anni pensa che sia “troppo tardi”), ma queste barriere sono di certo più semplici da superare di quella invalicabile attualmente imposta dall’invecchiamento biologico. Se la durata della nostra vita e la nostra salute non avessero un limite imposto, non saremmo mai costretti a proseguire una carriera che non ci piace solo perché siamo troppo vicini alla pensione o perché non abbiamo sufficiente tempo o energia rimasti. Potremmo iniziare a lavorare a qualunque età, senza mai preoccuparci di non essere più idonei al lavoro o che presto non lo saremo più. Se abbiamo (o non abbiamo) avuto figli, e vorremmo aver fatto il contrario, saremmo sempre ancora in tempo. (Per il momento l’articolo che ho appena linkato è in inglese, può darsi che un giorno lo traduca.)

Il ringiovanimento garantirebbe una più ampia libertà di scelta; scelte che oggi sono mutuamente esclusive non lo sarebbero più, dandoci maggior controllo sulla nostra vita.

^ Torna a inizio pagina ^

Si vivrebbe il futuro anziché sognarlo

Vi chiedo ancora una volta di mettere da parte tutte le previsioni apocalittiche sul futuro di cui i media e le altre persone vi hanno probabilmente fatto fare indigestione. Non sappiamo come sarà il futuro, ma di sicuro sappiamo che il presente è meglio del passato, e dunque abbiamo ragione di credere che il futuro potrebbe essere anche meglio. Non perfetto, ma certamente varrà la pena di essere vissuto.

Per come la vedo io, la maggior parte delle persone vive oggi si trova in una posizione tanto stupenda quanto terribile. La metafora che mi piace fare è quella di trovarsi su una nave che veleggia verso una terra meravigliosa, quando all’improvviso la destinazione appare all’orizzonte. È bellissima e imponente, e appare così vicina da indurci a pensare che vi giungeremo presto, e che dobbiamo resistere solo ancora un po’. Ciò potrebbe anche essere vero, il che sarebbe grandioso, ma ci sono due potenziali problemi.

Il primo problema è che la nave è invasa da deficienti di ogni sorta che potrebbero tranquillamente farla saltare per aria prima che giunga a destinazione. Il secondo problema è che la destinazione all’orizzonte è talmente imponente e invitante che potremmo illuderci che sia più vicina di quanto sia in realtà. Non è molto distante, ma potrebbe essere più distante di quello che pensiamo, quel tanto che basta affinché noi ce la perdiamo e il compito di raggiungerla venga ereditato dalla prossima generazione di marinai. Sarebbe un vero peccato.

Automazione su vasta scala, medicina personalizzata, ringiovanimento, reddito di base universale pressoché dovunque, intelligenza artificiale forte, cambiamenti radicali nel significato del lavoro, eccetera, sono tutte cose che hanno buone probabilità di diventare realtà entro pochi decenni, o alla peggio entro fine secolo. Questa è esattamente la ragione per cui dico che questo momento storico è sia stupendo che terribile. Un sacco di cose fantastiche potrebbero diventare realtà in tempi relativamente brevi, e noi che siamo vivi oggi potremmo perdercele per un soffio. Pensiamo a chi è vissuto prima del 1400: costoro di sicuro si sono risparmiati un sacco di problemi e orrori (tipo due guerre mondiali), ma si sono anche persi un sacco di cose buone – nuove tecnologie, maggiore pace e prosperità, migliore qualità della vita, scoperte scientifiche, arte e intrattenimento, eccetera. Ad ogni modo, queste persone si sono perse queste cose non certo per un pelo, e né per anni o decadi; sono morti secoli prima che accadessero. Probabilmente, questi poveretti non avevano motivo di aspettarsi che niente di speciale accadesse neppure durante la vita dei propri nipoti. D’altra parte, chi è morto nei primi 50 anni del Novecento si è perso esattamente le stesse cose (nel bene e nel male), ma se le è perse solo per pochi anni. Non vorrei davvero fare la sua stessa fine e perdermi un futuro migliore per una manciata di decadi a causa della nostra biologia imperfetta.

Persino le biotecnologie ringiovanenti più primitive potrebbero farci guadagnare tempo sufficiente per raggiungere quel futuro, e per beneficiare di nuove biotecnologie ringiovanenti sempre migliori ed estendere la durata della nostra vita anche di più. Non so come la pensiate voi, ma io penso spesso alle meraviglie che il futuro potrebbe avere in serbo – navi spaziali, incontri con civiltà aliene, un mondo davvero libero e incontaminato, intelligenza artificiale, nuove scoperte scientifiche, nuove forme d’arte e di intrattenimento. Ci dovrà pur esser qualcosa che desiderereste così tanto vedere in prima persona da indurvi a sperare di vivere sufficientemente a lungo.

Il futuro potrebbe anche restituire una vita normale (se mi si passa l’espressione) a quelle persone che soffrono di malattie al momento incurabili. Questo è un caso particolare, che probabilmente non è il vostro, ma se foste paralizzati, ciechi, o bloccati a letto per il resto della vita, non solo la vecchiaia renderebbe tutto più difficile, ma potrebbe anche uccidervi prima che la scienza abbia trovato una cura alla vostra malattia. Se quest’ultima non fosse legata all’età, il ringiovanimento non la curerebbe di certo, ma comunque manterrebbe il vostro corpo biologicamente giovane, rendendo la malattia più facile da sopportare e permettendovi di vivere abbastanza a lungo da vedere il giorno in cui una cura sarà finalmente stata scoperta. Mi rendo conto che questo è un argomento molto delicato, e comprendo che alcune persone potrebbero preferire la morte – per vecchiaia o eutanasia – all’attesa di una cura. Rispetterei la loro scelta, anche se la mia sarebbe diversa, e ci tengo a sottolineare che è appunto di scelte che stiamo parlando. Al momento, chi fosse disposto ad aspettare una cura per tutto il tempo necessario, fossero anche secoli, non avrebbe questa possibilità. Il ringiovanimento potrebbe offrirgliela.

Può darsi che voi preferiate tenere i piedi per terra più di me e non siate interessati a tutte le possibili meraviglie scientifiche future che interessano a me, e può darsi anche (come vi auguro) che non soffriate di alcuna malattia la cui cura attende di essere trovata. Ciononostante, potreste essere curiosi di sapere come le persone e le cose che amate oggi cambieranno in futuro. Il ringiovanimento potrebbe offrirvi la possibilità di incontrare i figli dei vostri nipoti e pronipoti, o di vedere come saranno la pittura, la musica, e il teatro di duecento anni da oggi, ad esempio.

Le possibilità che ci verrebbero offerte da una vita più lunga in buona salute sono infinite, e ci penserei due volte prima di liquidarle. Naturalmente non c’è certezza che quello di cui parlo accada davvero in tempo affinché chi è già vivo oggi possa beneficiarne, ma le probabilità non sono male, e sarebbero anche migliori se più persone si unissero alla causa e facessero la loro parte, grande o piccola, per condurci a quella terra meravigliosa che stiamo tentando di raggiungere.

^ Torna a inizio pagina ^

Prossimo articolo: Benefici per i propri cari >>

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...